Quando Burne-Jones trionfa alla Tate Britain insieme al futuro Turner Prize!

Atlas Turned to Stone, Bodycolor on paper 1502x1902mm, Southampton City art Gallery

The Death of Medusa I (1882) Bodycolor on paper 125x117 cm, Southampton City art Gallery

The Doom Fulfilled Oil on canvas, 155x140cm Staatsgalerie Stuttgart

The Death of Medusa II (1881) Bodycolor on paper 152x136 cm, Southampton City art Gallery

Love Among the Ruins Watercolor, bodycolour and gum arabic on paper 96x152 cm Private Collection

The Baleful Head Bodycolour on paper 153.7x129 cm Southampton City Art Gallery

Trulli
Atlas Turned to Stone, Bodycolor on paper 1502x1902mm, Southampton City art Gallery
Trulli
The Death of Medusa I (1882) Bodycolor on paper 125x117 cm, Southampton City art Gallery
Trulli
The Doom Fulfilled Oil on canvas, 155x140cm Staatsgalerie Stuttgart
Trulli
The Death of Medusa II (1881) Bodycolor on paper 152x136 cm, Southampton City art Gallery
Trulli
Love Among the Ruins Watercolor, bodycolour and gum arabic on paper 96x152 cm Private Collection
Trulli
The Baleful Head Bodycolour on paper 153.7x129 cm Southampton City Art Gallery

#LONDON È la prima volta che il pittore preraffaellita Edward Burne-Jones (1833-1898) ha avuto una grande retrospettiva con 150 opere e grandi gruppi riuniti dalla Tate Britain a Londra, tra cui il ciclo di Perseus o The Legend of Briar Rose con la famosa “Sleeping Beauty”.

Leader del movimento simbolista, la sua influenza va ben oltre il XIX secolo e molte delle sue fonti di ispirazione sono state prese dall’immaginario collettivo se pensiamo alle saghe: il Gioco del Trono o il Signore degli Anelli. In un’atmosfera di fine Novecento, la mostra riunisce grandi arazzi, vetrate e oggetti decorativi di questa comunità elettiva riunita intorno a William Morris, suo amico e compagno di viaggio incontrato a Oxford, influenzato dal poeta Dante Gabriel Rossetti. Insieme troveranno un’azienda di decorazione e mobili, in risposta alla bruttezza degli interni vittoriani, il futuro movimento Arts and Crafts. La fratellanza preraffaellita, che si basa sugli scritti di Ruskin, rivendica un ritorno all’arte medievale e un modo collettivo di produzione artigianale.

Autodidatta, fuggito dalla sua vocazione religiosa, Edward Brune-Jones, dopo un periodo di aste di fronte al successo degli impressionisti in Europa, vide la sua posterità riscoperta negli anni Sessanta sotto l’impulso dei surrealisti.

I suoi incantesimi arturiani e gli eroi destinati ad una ricca clientela borghese, che preannunciano l’art nouveau, non hanno finito di sedurci nella nostra epoca così razionale dove l’immaginazione e i miti sono ancora così popolari!

La sua mostra al Museo d’Orsay nel 1999, in occasione del centenario della sua morte, aveva attirato folle di visitatori.

 

Commissari: Alison Smith, Chief Curator alla National Portrait Gallery e Tim Batchelor, Assistant Curator alla Tate Britain.

La mostra sarà accompagnata dalla pubblicazione di un catalogo di Tate Publishing, un programma di conferenze ed eventi presso il museo
, e potrete scoprire i 4 candidati al Turner Prize 2018:

-Architettura forense

-Naeem Mohaiemen

-Charlotte Prodger

-Luke Willis Thompson, il mio preferito! Ha vinto il Deutsche Börse Prize 2018 per la sua installazione “Self-Portrait” commissionata dalla Chisenhale Gallery di Londra.

Che vinca il migliore!

 

Informazioni pratiche:

EDWARD BURNE-JONES

fino al 24 febbraio 2019

 

Turner Prize, elenco breve

fino al 6 gennaio 2019

 

https://www.tate.org.uk/

Marie-Elisabeth de La Fresnaye

Después de su formación en literatura e historia del arte, Marie de la Fresnaye entró en el mercado del arte de Drouot y se embarcó en eventos. Paralelamente a varios años de actividad empresa...

Ver perfil de autor

Más artículos de Arte Contemporaneo

Más artículos para ti

#NUEVA YORK Entre los admiradores de Leonor Fini se encuentran Andy Warhol, Madonna y, más recientemente, Maria Grazia Chiuri, directora de la Fundación Casa Dior cuya colección de primavera de 2018 estaba dedicada…
#PARÍS Mientras los incendios asolaban California el pasado otoño, Liam Everett destruyó las obras que estaba a punto de enviar a París para su tercera exposición individual en Kamel Mennour. Un sentido de…
#SAINT-ETIENNE "Umbrellas and Umbrellas", dos medios inesperados elegidos por Claude Viallat y Joe Fyfe para explorar los límites de su pintura y la forma en que sus obras se someten a lo contemporáneo.…