“American Echo Chamber” si trasferisce al Perez Art Museum

José Carlos Martinat. American Echo Chamber, 2018. Motors, LEDs, microcontroller, and radio module. Dimensions variable ©José Carlos Martinat. Courtesy the artist and Revolver Galería

José Carlos Martinat. American Echo Chamber, 2018. Motors, LEDs, microcontroller, and radio module. Dimensions variable ©José Carlos Martinat. Courtesy the artist and Revolver Galería

José Carlos Martinat. American Echo Chamber, 2018. Motors, LEDs, microcontroller, and radio module. Dimensions variable ©José Carlos Martinat. Courtesy the artist and Revolver Galería

Trulli
José Carlos Martinat. American Echo Chamber, 2018. Motors, LEDs, microcontroller, and radio module. Dimensions variable ©José Carlos Martinat. Courtesy the artist and Revolver Galería
Trulli
José Carlos Martinat. American Echo Chamber, 2018. Motors, LEDs, microcontroller, and radio module. Dimensions variable ©José Carlos Martinat. Courtesy the artist and Revolver Galería
Trulli
José Carlos Martinat. American Echo Chamber, 2018. Motors, LEDs, microcontroller, and radio module. Dimensions variable ©José Carlos Martinat. Courtesy the artist and Revolver Galería
Trulli

#MIAMI Il Perez Art Museum (PAMM) ospita l’installazione American Echo Chamber di José Carlos Martinat. Il sistema artistico si interroga sulla nozione di amplificazione e rafforzamento delle idee nell’attuale panorama sociale e politico. L’opera è di grandi dimensioni ed è composta da circa quindici sculture di luce cinetica e schermi a LED. Assemblati in questo modo, creano uno spazio drammatico che distrae la nostra attenzione visiva. Radicate nella cultura ispano-americana, queste sculture sono ispirate a simboli americani e peruviani, immagini storiche come il cartone animato politico “Join or Die”, pubblicato per la prima volta nel 1754 da Benjamin Franklin o memes, l’arte molto popolare di diversione umoristica che infesta i social network. L’installazione esplora il nostro paesaggio politico e culturale attuale e i simboli sono spesso composti da immagini legate alla violenza, alla manipolazione, al razzismo o alla migrazione. L’uso giocoso e sistematico della luce al neon conferisce una dimensione pop al soggetto e sottolinea quanto questi gravi e ricorrenti problemi sociali siano stati ridotti all’intrattenimento. L’artista si ispira anche alla tradizione popolare dei fuochi d’artificio in Perù e racconta, attraverso questo spettacolo sociale, una storia di rottura del discorso pubblico nella sua cultura di origine e di adozione.

Creando questo spazio che amplifica il consumo di questi simboli e informazioni, José Carlos Martinat paragona la scena politica contemporanea ad una camera d’eco. Sottolinea questa dinamica in cui i cittadini cercano i media per rafforzare le proprie convinzioni come esercizio inconscio di convalida e pregiudizio. L’approccio artistico di Martinat mette in luce la complessa realtà della società e le intersezioni che coesistono tra tecnologia, politica e spazi sociali virtuali.

Un’installazione che riecheggia totalmente (camera) la situazione molto tesa del movimento dei Giubbotti gialli in Francia

 

 

José Carlos Martinat

Camera di Eco Americana

4 dicembre 2018 – 26 gennaio 2019

Museo d’arte di Perez
1103 Biscayne Blvd.
Miami, FL 33132305
375 3000www.pamm.org

Lili Tisseyre

Giornalista poi direttore di produzione, Lili Tisseyre ha diretto la creazione e la gestione editoriale dei primi contenuti web per i Real Tv show del gruppo Endemol nei primi anni 2000. Laureata i...

Visualizza il profilo dell'autore

PIÙ ARTICOLI PER TE

#Parigi Fondata nel 1946 da Sonia Delaunay e Auguste Herbin, tra gli altri, la mostra "Réalités Nouvelles" lavora ogni anno da più di settant'anni per fornire una cassa di risonanza essenziale per l'Arte…
Da Venezia, Anecdotes on Origin #VENEZIA La calda estate veneziana si é ormai conclusa, ma non i suoi innumerevoli eventi artistici. La città del doge infatti premia le arti durante la 58esima edizione…
#PARIS  Con il titolo "Il sognatore della foresta", quaranta artisti si sono stabiliti nel Museo Zadkine. Dedicato allo scultore Ossip Zadkine, il museo (un vero e proprio ambiente verde nel cuore del sesto arrondissement…