#BD “Moi ce que j’aime c’est les monstres” di Emil Ferris

Trulli

E ‘stato altamente raccomandato a voi sotto l’albero per i vostri regali dell’ultimo minuto: Il libro più atteso del 2018 era arrivato nel cuore dell’estate sotto una pioggia di articoli e lodi per il suo autore Emil Ferris. Quindi è improbabile che tu non abbia attraversato questa coperta blu elettrico

Non meno di 9 importanti premi negli Stati Uniti, tra cui 3 Eisners (miglior album, miglior autore, miglior colore), immaginiamo che figurerà in primo piano nella selezione della 46a edizione dell’Angouleme Festival e al vertice degli album che possono ricevere il Fauve d’Or (vedi il Fauve d’Or 2018). Un doppio evento in Francia, perché questo capolavoro è il primo libro dell’americano Emil Ferris e viene pubblicato da un editore che si lancia nel fumetto dopo aver pubblicato qualche pepita nel campo della letteratura straniera. Signor All SaintsL’apertura si occupa dei suoi libri e questa bellissima edizione mette in evidenza il lavoro della designer che utilizza penne a sfera, matite, matite, pennarelli su pagine di quaderni a spirale con linee disegnate. L’artificio del diario riprodotto permette all’autore di lasciare che Karen, la narratrice, parli in prima persona e di presentare quest’opera come il quaderno di una bambina di dieci anni, appassionata di storie dell’orrore che viveva a Chicago negli anni Sessanta. Un gioco di verità e finzione che continua nella finzione attraverso questa indagine a più livelli alla ricerca dell’assassino del vicino di casa. Un romanzo didattico, un taccuino abbozzato e annotato su veri mostri: esseri umani, dietro le maschere di lupi mannari, fantasmi e altri demoni

Ma i mostri non sono pericolosi anche se spaventosi, sono questi abitanti dei villaggi armati di fiaccole che temono il vero pericolo: dall’avvento del Terzo Reich e dei campi all’assassinio di Martin Luther King, dal razzismo banalizzato alla violenza ordinaria, la vita quotidiana di questa giovane ragazza risuona intorno a questi temi contemporanei e sociali, così come la sua esplorazione di sé, la sessualità, l’amicizia, l’arte…..Un romanzo mondiale di oltre 400 pagine, toccante e sincero, abbinato ad una rara opera grafica che non lascia nessuno indifferente. Una graphic novel come vorremmo leggere più spesso, primo volume di un dittico la cui seconda parte è prevista per la fine del 2019 in VO. È difficile aspettare così a lungo, per fortuna si può leggere di nuovo questo primo volume e trovare sempre qualcosa di nuovo in esso.

“Moi ce que j’aime c’est les monstres” Volume1

Emil Ferris al Monsieur Toussaint L’Ouverture

Bolla Fare clic e raccogliere

Bubble

Una volta alla settimana, Bubble ti racconta di un fumetto che li ha fatti vibrare. E come bonus ti mostrano alcune schede e un dialogo che le ha segnate. #BD #Mangas #Comic.

...

Visualizza il profilo dell'autore

Più articoli di BD

PIÙ ARTICOLI PER TE

2 Mins.
#BD. Le opere di Howard Phillips Lovecraft, ritenute inadatte, affascinano i creatori che si confrontano regolarmente con i suoi testi. Da Alberto Breccia e le sue creature fantasmatiche a Richard Corben e le…
2 Mins.
#BD Mi piace molto questo tipo di storia di iniziazione, da un momento chiave nel passaggio all'età adulta. Un genere a sé stante nella letteratura, ma in definitiva non molto comune nel fumetto,…
2 Mins.
#L'opera di BD Taiyou Matsumoto è diversa da tutte le altre. Ad ogni nuova serie riesce a sorprendere e confondere il lettore, pur rimanendo in una vena che ha scavato nel corso degli…