Panorama transgenerazionale all’HDA di Tolone

Nicolas Rubinstein, Le dessous prend le dessus

Mains du Maroni par Alain Pontarelli

Aux murs, Camp(s) de Johanna Quillet et un dessin de Paolo Boosten au fond.

Cromossance et Plumageux par Sophie Menuet

Les peintures de Florian Bruno aux murs et la vidéo Crashed Paintings n°1012021 de Cédric Ponti

Trulli
Trulli
Nicolas Rubinstein, Le dessous prend le dessus
Trulli
Mains du Maroni par Alain Pontarelli
Trulli
Aux murs, Camp(s) de Johanna Quillet et un dessin de Paolo Boosten au fond.
Trulli
Cromossance et Plumageux par Sophie Menuet
Trulli
Les peintures de Florian Bruno aux murs et la vidéo Crashed Paintings n°1012021 de Cédric Ponti

#TOULON….. 30 anni di creazione. 30 anni di apertura a molteplici forme artistiche, scoperte, materiali, idee, idee, temi che analizzano i nostri modi, decifrano i nostri codici sociali, denunciano i difficili eventi di attualità. Dalla memoria al momento presente, dalla ricerca alla riconquista, dal semplice soggetto alla sua interpretazione soggettiva: qualunque sia il mezzo, la mostra “30 anni e dopo…..” presentata fino al 24 febbraio 2019 alla mostra “30 anni e dopo….”, presentata fino al 24 febbraio 2019 allaHôtel Département des Arts -Centre d’Art à Toulon ci mostra che la creazione riflette una pluralità formale intima, oggettiva e unica. 11 artisti rivelati dall’associazione Elstir presentare le loro opere recenti appositamente progettate in accordo con l’architettura del luogo.

Un panorama intergenerazionale

Florian Bruno si impossesserà del vestibolo creando un santuario plastico in cui ogni spettatore si riflette. La sovrapposizione di composizioni pittoriche, collegate da tagli a specchio, forma un insieme astratto molto architettonico. Jeremy Laffon pensa alla città, alla sua architettura e si chiede come si muove l’uomo. Le scale distorte e le costruzioni smontate mettono in discussione la tipografia, lo spazio e il tempo. Cédric Ponti utilizza una forma d’arte tra performance e installazione. Ogni creazione viene creata dopo che i colori sono dinamizzati sul supporto. Il video tiene traccia di questo meccanismo che segue le esigenze dell’artista.

Sophie Menuet interroga il corpo in un’installazione che mescola disegni e accessori per la danza. Rivela un’opposizione tra la sottigliezza dell’inchiostro e la durezza di queste sculture in rilievo che vincolano il corpo. Nicolas Rubinstein, un burlone, propone un’installazione che fa riferimento alla materialità del cervello ma anche al suo simbolismo. Una caverna dei nostri pensieri, pensieri e ricordi, come continua ad evolversi in un’epoca in cui i codici sociali sono stati profondamente sconvolti dalla tecnologia digitale? Alain Pontarelli collega l’essere e la natura con corpi giganti di canneti. Un Eden falsamente idilliaco per un’installazione che fa riferimento alla prigione della Guyana francese, alla terribile condizione degli uomini in un paesaggio lussureggiante. Il muro di bronzo a forma di farfalla testimonia queste speranze perdute.

Al piano superiore, Corinne de Battista mostra una stanza intima dove foto di famiglia e pittura si incontrano in una delicata e sincera ricerca interiore. Abituato ad acquerelli di grande formato con cornici ben incorniciate, Paolo Boosten disegna corpi abbandonati in sospensione senza peso. La ferocia gestuale si fonde con universi metaforici vicini ai sentimenti umani. Solange Triger rende omaggio agli eroi del nostro mondo. L’artista diventa il corriere dei ricordi dei deportati affinché la storia non venga mai dimenticata.

Lo stesso vale per Johanna Quillet. I suoi scatti tengono traccia dei luoghi che hanno sconvolto l’esistenza umana e offuscato le relazioni con gli altri esseri umani. Léna Durr raccoglie oggetti per creare un mobile di curiosità contemporanea. In queste scatole ci sono i ricordi di quattro donne la cui vita non può essere riassunta nella loro camera EHPAD. Memorie materiali che non saranno cancellate dalla memoria.

 

30 anni e dopo……..

Fino al 24 febbraio 2019

Hôtel Département des Arts – Centre d’Art

236 Bd Maréchal Leclerc

83000 Tolone

Aperto da martedì a domenica dalle 10.00 alle 18.00.

Ingresso libero

Maggiori informazioni sull’associazione Elstir qui

Marlène Pegliasco

Laureata in Storia dell’Arte e residente a Tolone, ho creato il blog Art In Var (www.artinvar.fr) per condividere con i miei lettori le ricche notizie artistiche di questo bellissimo dipartim...

Visualizza il profilo dell'autore

PIÙ ARTICOLI PER TE

#Parigi Fondata nel 1946 da Sonia Delaunay e Auguste Herbin, tra gli altri, la mostra "Réalités Nouvelles" lavora ogni anno da più di settant'anni per fornire una cassa di risonanza essenziale per l'Arte…
#PARIS  Con il titolo "Il sognatore della foresta", quaranta artisti si sono stabiliti nel Museo Zadkine. Dedicato allo scultore Ossip Zadkine, il museo (un vero e proprio ambiente verde nel cuore del sesto arrondissement…
#BROOKLYN Militante, intellettuale, creatrice inclassificabile, Judy Chicago è un'artista chiave nella storia dell'arte femminista degli anni Settanta. Ha co-fondato con Miriam Schapiro la Programma Arte Femminista e organizza nel 1971 la mitica mostra…