Baptiste Rabichon espone “A l’intérieur cet été”

17ème, 2018, épreuves chromogènes unique 195 x 127 cm©Baptiste Rabichon/Galerie Paris-Beijing

17ème, 2018, épreuves chromogènes unique, 195 x 127 cm©Baptiste Rabichon/Galerie Paris-Beijing

17ème- f, 2017, épreuves chromogènes unique 195x127cm©Baptiste Rabichon/Galerie Paris-Beijing

17ème- e, 2017, épreuves chromogènes unique,195 x 127 cm ©Baptiste Rabichon/Galerie Paris-Beijing

Vue de l'exposition "A l’intérieur cet été"©Baptiste Rabichon/Galerie Paris Beijing

Netflix, 2018, épreuves chromogènes unique, 170 x 127 cm ©Baptiste Rabichon/Galerie Paris-Beijing

Vue de l'exposition "A l’intérieur cet été"©Baptiste Rabichon/Galerie Paris Beijing

Vue de l'exposition "A l’intérieur cet été"©Baptiste Rabichon/Galerie Paris Beijing

Vue de l'exposition "A l’intérieur cet été"©Baptiste Rabichon/Galerie Paris Beijing

Trulli
17ème, 2018, épreuves chromogènes unique 195 x 127 cm©Baptiste Rabichon/Galerie Paris-Beijing
Trulli
17ème, 2018, épreuves chromogènes unique, 195 x 127 cm©Baptiste Rabichon/Galerie Paris-Beijing
Trulli
17ème- f, 2017, épreuves chromogènes unique 195x127cm©Baptiste Rabichon/Galerie Paris-Beijing
Trulli
17ème- e, 2017, épreuves chromogènes unique,195 x 127 cm ©Baptiste Rabichon/Galerie Paris-Beijing
Trulli
Vue de l'exposition "A l’intérieur cet été"©Baptiste Rabichon/Galerie Paris Beijing
Trulli
Netflix, 2018, épreuves chromogènes unique, 170 x 127 cm ©Baptiste Rabichon/Galerie Paris-Beijing
Trulli
Vue de l'exposition "A l’intérieur cet été"©Baptiste Rabichon/Galerie Paris Beijing
Trulli
Vue de l'exposition "A l’intérieur cet été"©Baptiste Rabichon/Galerie Paris Beijing
Trulli
Vue de l'exposition "A l’intérieur cet été"©Baptiste Rabichon/Galerie Paris Beijing

#PARIS Baptiste Rabichon ci porta in un racconto estivo nel mezzo dell’inverno parigino alla galleria Parigi-Pechino.

“A l’intérieur cet été” estende la sua serie “Dame de Coeur” presentata nel marzo 2018, in riferimento alla regina di Lewis Carroll, e a sua volta dà una moltitudine di strizzatine d’occhio al personaggio di Alice nel Paese delle Meraviglie.

La mostra è introdotta da due nuovi pezzi che non hanno nulla a che fare con la XVII serie, che rappresenta la spina dorsale del viaggio proposto da Baptiste Rabichon. In un modo che rivela la fine di un ciclo e l’inizio di una nuova forma narrativa, l’accogliente lavoro intitolato Netflix nasconde già tutti gli elementi di una narrazione molto più intima, raccoglie frammenti di vita con una forma di composizione più complessa. Si esprime come un doppio invito: quello della mostra in corso e quello di suscitare già il desiderio per la prossima. Le Lunettier, la seconda opera ad aprire la mostra, è chiaramente un invito a cambiare il nostro punto di vista e a spostarci in una dimensione diversa, come fece Alice quando entrò nel Paese delle Meraviglie.

Il viaggio proposto è in un mondo estivo in mezzo ai fiori dove il corpo di una donna nuda appare e scompare. In questo Eden, condividiamo la dimensione di questa “Eva” che ha la nostra stessa scala. Qui, sono i fiori e le piante che sono giganti e creano un corridoio trans-dimensionale composto da una quindicina di opere.

Come un artigiano, Baptiste Rabichon compone a strati successivi utilizzando tutte le tecniche antiche e moderne della fotografia. Come un alchimista, sperimenta nuovi modi di produrre immagini, mescolando immagini analogiche e digitalialternando stampe, fotogrammi, cache o proiezioni dirette di fiori, navigando così dalla camera oscura allo schermo del computer. Questo lavoro, che fa nel buio più assoluto, comporta una grande concentrazione e lascia, nonostante tutto, molto al caso e all’incidente, il che conferisce alle opere una dimensione fantastica.

Con questi mille fogli fotografici, Baptiste Rabichon crea una giungla floreale in cui il personaggio è parte della natura, riscoprendo così armonia e piena vitalità. Ma al di là di questo, le opere esposte rivelano un attrito tra negativo e positivo, tra fotografia e pittura, e invitano il visitatore in un’odissea tra realtà e finzione.
Un inno alla natura, al paradiso perduto!

Baptiste Rabichon
A l’intérieur cet été

24 gennaio – 02 marzo 2019

Galleria Parigi-Pechino
62 rue de Turbigo 75003 Paris

www.galerieparisbeijing.com

Patrice Huchet

Appassionato fin da bambino di tutte le forme di espressione artistica, ha iniziato la sua carriera nel mondo del turismo dove ha praticato la fotografia di viaggio. In seguito è entrato in unR...

Visualizza il profilo dell'autore

Più articoli di Photo

PIÙ ARTICOLI PER TE

1 Mins.
#PARIS Ren Hang, nella sua breve vita, da quando ha terminato la sua vita all'età di 29 anni, ha dato una voce diversa alla fotografia cinese contemporanea. La Maison Européenne de la Photographie…
2 Mins.
#PARIS Catherine Balet dà colore alla galleria Thierry Bigaignon e spinge i confini della creazione fotografica con la mostra "Moods in a room". Dopo averci sorpreso e divertito con la sua ultima serie…
3 Mins.
#PARIS La galleria RX presenta le visioni caleidoscopiche di Catherine Gfeller nelle megalopoli."China Drinftings" e' una delle piu' belle cose da fare.con l'umanità nell'ombra cinese. Da trent'anni Catherine Gfeller sviluppa una pratica che…