Edward Hopper fara’ l’evento da sotheby?

EDWARD HOPPER, SHAKESPEARE AT DUSK, 1935. ESTIMATE $7,000,000–10,000,000.

Trulli
EDWARD HOPPER, SHAKESPEARE AT DUSK, 1935. ESTIMATE $7,000,000–10,000,000.

#NEW YORK # I dipinti di Edward Hopper sono abbastanza rari all’asta e quando uno di essi appare in un catalogo, è l’evento assicurato. Questa si svolgerà il 21 maggio a New York durante la tradizionale vendita d’arte americana organizzata da Sotheby’s.

“Shakespeare at Dusk”, dipinto nel 1935 e che sarà uno dei pezzi più importanti della serata, appartiene alla serie di Hopper’s New York City Landscape – un soggetto che ha esplorato all’inizio della sua carriera durante gli studi di Robert Henri e che ha continuato a fare fino alla sua morte nel 1967.

Rappresenta la statua del drammaturgo inglese eretta a Central Park, probabilmente l’unica testimonianza di un’influenza letteraria sull’opera di Edward Hopper, che si aggiunge alla rarità di questo pezzo. E’ dipinto, al tramonto, in quella luce speciale chiamata “tra cane e lupo” e quella Tramoggia con la sua infinita padronanza del colore trascritta alla perfezione. Possiamo immaginare, alla fine di questo pomeriggio d’autunno, il pittore, Edward Hopper, che si avvicina. Lo sgranocchia, visto da dietro, e lo installa nella parte inferiore sinistra del quadro, come un dettaglio, mentre ne costituisce tuttavia l’elemento “centrale” che attira immediatamente l’occhio e rivela il talento compositivo, la preoccupazione per la precisione

“Shakespeare at Dusk” cattura questa poesia visiva del crepuscolo così speciale per questa città del mondo, quando la cacofonia di tram e linee aeree svanisce nella notte. Questa magica scena di Central Park fa parte della famosa serie di New York City Landscapes di Hopper – un soggetto che ha esplorato all’inizio della sua carriera durante gli studi di Robert Henri e che ha continuato a fare fino alla sua morte nel 1967.

Rarità sempre, è l’unica testimonianza – e tributo – dell’influenza letteraria sull’opera di Edward Hopper; la stima è piuttosto bassa, da 7 a 10 milioni di dollari se confrontata con l’impennata dei prezzi delle ultime opere dell’artista americano. L’anno scorso, “Chop Suey”, un dipinto molto più famoso dell’artista, era stato strappato a oltre 90 milioni di dollari

È la volontà di Sotheby’s di comporre un evento in un contesto piuttosto cupo? La strategia sarà efficace per riportare gli acquirenti a New York?

Ci vediamo il 21 maggio per scoprire se, come se fosse la prima volta che ci vediamo il 21 maggio David Hockney o René Magritte, le stime saranno infrante!

 

Sotheby’s New York

Vendita d’arte americana

21 maggio 2019

10:00 AM (ora locale)

 

 

Lili Tisseyre

Giornalista poi direttore di produzione, Lili Tisseyre ha diretto la creazione e la gestione editoriale dei primi contenuti web per i Real Tv show del gruppo Endemol nei primi anni 2000. Laureata i...

Visualizza il profilo dell'autore

Più articoli di Arte contemporanea

PIÙ ARTICOLI PER TE

#NICE Come se dalle radici del tempo, decotti di spezie, aggiunte ocra catturate dai capricci del sole e del tempo permeano la tela del pittore. La luce emerge poi nella risonanza materiale di…
#NICE Lontano dalle linee spigolose e dagli strati colorati di Cézanne, allontanandosi dalla materia viva di Van Gogh alla ricerca della stessa essenza del mondo che la pittura rivelerebbe, Matisse più umilmente, e…
#LANDERNEAU Il Fonds pour la Culture Hélène & Edouard Leclerc ci invita quest'inverno a scoprire "una coppia in eccesso": il pittore americano Joan Mitchell (1925-1992) e il pittore canadese Jean-Paul Riopelle (1923-2002) sono…