P.T.S.S.D. di Guillaume Singelin

Trulli
Trulli
Trulli
Trulli

#BD Molto atteso dai fan, questo ambizioso progetto è stato promosso attraverso immagini pubblicate sui social network e un’uscita congiunta dell’album in inglese e francese. Uno dei principali designer dell’etichetta 619 con Run, Mathieu Bablet & Florent Maudoux: Guillaume Singelin trova una voce singolare con P.T.S.S.D. Un album sui disordini post-traumatici da stress per i soldati che lottano per reintegrarsi nella società dopo aver vissuto in zone di guerra. Un disturbo psicologico in cui il soldato che è tornato alla vita civile rivive uno o più episodi traumatici sotto forma di incubi o flashback. Una sofferenza che è stata evidenziata durante la guerra del Vietnam e messa in scena in molti film americani, il più famoso dei quali è Rambo 1.

Per Jun, ex cecchino diventato senzatetto, la sopravvivenza dipende da pillole, farmaci venduti in segreto che le permettono di far fronte ai suoi incubi. Ha avuto problemi a pagare per questa droga necessaria e ha scoperto che una rete di commercianti stava approfittando di ex soldati bloccati in questa città del sud-est asiatico. Una visione fantastica di Tokyo che invoca anche i sobborghi di Jakarta o Manila.

In questa vivace città, Jun è sospettosa e sola, dando il via a una crociata contro i trafficanti di droga e ferendo altri ex soldati che ne pagano il prezzo.

Tra passato e presente, l’intero album esplora il tema della fiducia e del rapporto con l’altro, evitando il pathos. Sia attraverso personaggi enfatici come Leona & Bao o attraverso la pet therapy con il cane Red, Jun trova i riflessi umani dopo aver vissuto in uno stato quasi selvaggio nel cuore della città.

Gli acquerelli e la colorazione dell’album danno un lato molto gioioso a questo album che si apre in modo molto scuro. Con un disegno e un taglio che prende in prestito da fumetti e manga, il libro si distingue molto dalla produzione attuale, unendo il tono e il tema preciso molto ben raccontato e documentato attraverso la finzione. Ricchissime, le tavole di Guillaume Singelin creano un’atmosfera e un universo armonico con passaggi intensi e più violenti. Un avanti e indietro che permette al designer una grafica abbastanza libera che alterna la leggerezza della linea e la durezza dei soggetti trattati con grande profondità.

Un one-shot convincente che affronta temi delicati senza filtri o tabù portati da una grande libertà di disegno. Tanto inaspettato nella sua forma quanto rilevante nella sostanza, una delle belle pepite dell’inizio dell’anno.

Bubble

Una volta alla settimana, Bubble ti racconta di un fumetto che li ha fatti vibrare. E come bonus ti mostrano alcune schede e un dialogo che le ha segnate. #BD #Mangas #Comic.

...

Visualizza il profilo dell'autore

Più articoli di BD

PIÙ ARTICOLI PER TE

2 Mins.
#fumetti Per molto tempo ho pensato che Sandman fosse il fumetto più affascinante, misterioso e poetico mai scritto. Con Alan Moore, Neil Gaiman è uno dei suoi incredibili sceneggiatori che propongono storie intrecciate…
2 Mins.
#fumetti Abbiamo stravolgere un po' la regola del gioco, non è in senso stretto un graphic novel, ma non abbiamo voluto ignorare il lavoro di Robert Crumb che ha influenzato diverse generazioni di…
4 Mins.
#BD Questo è il fumetto più folle e di maggior successo degli ultimi anni. Questa riscrittura del personaggio inventato da Jack Kirby nel 1971 in concomitanza con i Neo-Di (The New Gods), un…