“Ritratto di bevitore”

Trulli
Trulli
Trulli
Trulli

#Fumetti Uno dei libri più confusi ed estetici che incontrerete quest’anno, questo Portrait of a Drinker è un’opera di tre autori che mescola universi e stili per assomigliare a nessun altro. Abituati a collaborazioni sperimentali, Florent Ruppert & Jérôme Mulot innovano lasciandosi trasportare dal disegno furioso di Olivier Schrauwen in una storia di pirateria lontana dagli standard della grande avventura o dalla figura romantica del pirata. La violenza è la forza motrice della storia, nessuna ricerca o alta aspirazione per Guy, alternativamente falegname, pirata, ladro e antieroe. Trovare una bottiglia, anche se significa rubarla o accoltellare un uomo per averla, è la sua più grande ambizione. Tutto l’album gioca sul disagio e la malizia di un personaggio egoista, bugiardo e un po’ folle che non si preoccupa di niente. Un codardo, orgoglioso di se stesso e senza rimorsi, che ci porta in acque profonde dove non c’è molto epico o memorabile accadere…….

Canzoni, immagini surreali, questo libro di 200 pagine è un turbinio di colori e prodezze grafiche. Alternando tra le pagine intere e il ferro da waffle dove i colori riflettono le emozioni di un eroe che non dice nulla, che si vede sempre di traverso. Un sistema che ci permette di evidenziare il non detto e l’assenza di psicologia interiore del protagonista che ci tiene a distanza. Il taglio e la messa in scena danno un ritmo particolare all’album, sottolineato dalle pagine esterne alla cornice che commentano, confrontano e confrontano l’azione come se si trattasse di un’opera teatrale. Scheletri, spiriti intrappolati nel limbo, aggrappati l’uno all’altro e che cercano di tornare nelle capanne. Personaggi secondari che pongono più domande degli eroi della storia.

La linea di Schrauwen è più dettagliata rispetto ai suoi libri precedenti (se siete interessati a questo preferito o se avete amato Portrait d’un buveur, leggete anche l’ottima Arsène Schrauwen dell’associazione L’associazione), il disegnatore si ispira alla pittura classica, ritratti classici che deforma, rielabora e adatta al suo racconto.

Un album che si differenzia da ogni altro per il suo design e per il suo particolarissimo e riuscito senso di regia, ma anche per la sua storia senza una storia o piuttosto per il suo rifiuto di dare sostanza alla storia rimanendo ai margini. Un album che richiede un’immediata correzione di bozze dopo la lettura per catturare tutta la sua profondità dopo il primo passaggio dove si è piacevolmente confusi. Spero ti piaccia l’avventura, non è facile da affrontare, ma vale la pena dare un’occhiata.

Thomas Mourier

Ritratto di un bevitore di Florent Ruppert, Jérôme Mulot & Olivier Schrauwen,Dupuis

Bubble

Una volta alla settimana, Bubble ti racconta di un fumetto che li ha fatti vibrare. E come bonus ti mostrano alcune schede e un dialogo che le ha segnate. #BD #Mangas #Comic.

...

Visualizza il profilo dell'autore

Più articoli di BD

PIÙ ARTICOLI PER TE

2 Mins.
#fumetti Per molto tempo ho pensato che Sandman fosse il fumetto più affascinante, misterioso e poetico mai scritto. Con Alan Moore, Neil Gaiman è uno dei suoi incredibili sceneggiatori che propongono storie intrecciate…
2 Mins.
#fumetti Abbiamo stravolgere un po' la regola del gioco, non è in senso stretto un graphic novel, ma non abbiamo voluto ignorare il lavoro di Robert Crumb che ha influenzato diverse generazioni di…
4 Mins.
#BD Questo è il fumetto più folle e di maggior successo degli ultimi anni. Questa riscrittura del personaggio inventato da Jack Kirby nel 1971 in concomitanza con i Neo-Di (The New Gods), un…