CINEMAPOLIS al Museo di Masséna

Trulli
Trulli
Trulli

#NICE Ecco una mostra dove tutto è presentato in inquadrature e sequenze, dove il cinema è contemplato nello sviluppo di una città di fine Ottocento. “Nice, cinémapolis” è la storia di un incontro tra la luce di una città, la sua geografia, la sua attività turistica e la comparsa di una nuova arte, il cinema. Qui si raccontano 123 anni di questa storia di Nizza. Nel 1896 i fratelli Lumière si stabiliscono in città. Carnevale e manifestazioni sociali sono altrettante immagini che il visitatore desidera conservare. Le tecniche vengono affinate ad un ritmo impressionante. Molto rapidamente il cinema si impone come vettore economico determinante con la comparsa di molti studi di produzione, Pathé, Gaumont, e alcuni più modesti, sparsi in semplici ville fino all’entroterra. Le relazioni stanno gradualmente cedendo il passo alla finzione, vengono creati set giganteschi, i costumi, le stelle e gli extra sono necessari alle centinaia di persone. I teatri si moltiplicano

Questa emozionante avventura viene raccontata qui come in un viaggio cronologico da oggetti rari – i primi dispositivi destinati sia alla registrazione che alla trasmissione di film, documenti, manifesti e fotografie. Nel 1919 nascono gli studi Victorine. Vi si costruisce tutta l’immaginazione di un’epoca, fantasie di sensualità orientalista, poesia sociale, follia e angoscia del periodo prebellico. Nizza era allora una città cosmopolita dove si incontravano russi e americani. Un turismo di lusso si estende sulla Promenade des Anglais e confina con la Vecchia Nizza e con un popolo legato alla sua identità mediterranea. Allo stesso tempo, si stavano costruendo il Casinò o Negresco….

Questo centenario della Vittoria è un omaggio al cinema, scandito dal ricordo dei film di culto che vi sono stati girati, I bambini del Paradiso ovvero La notte americana Come se questi ultimi fossero un cenno a quest’altro spazio così vicino e così lontano, dove, parallelamente, sulle colline di Hollywood e della California, all’inizio del XX secolo si stava costruendo la stessa storia. Nice, Cinémapolis” è questo punto d’incontro tra realtà e immaginazione, disseminato di tutte le speranze e i drammi della storia. La mostra si sviluppa in una scenografia luminosa; si va dalla scoperta alla scoperta, il corso del tempo si apre ad altre prospettive: cento anni dopo, gli Studios de la Victorine iniziano la loro rinascita. Il viaggio nel tempo continua.

 

CINEMAPOLIS, come parte de “L’Odyssée de cinéma à Nice”.

dal 17 maggio al 30 settembre 2019

Museo di Masséna

Lili Tisseyre

Giornalista poi direttore di produzione, Lili Tisseyre ha diretto la creazione e la gestione editoriale dei primi contenuti web per i Real Tv show del gruppo Endemol nei primi anni 2000. Laureata i...

Visualizza il profilo dell'autore

Più articoli di Arte contemporanea

PIÙ ARTICOLI PER TE

#NICE Due artisti, Simon Bérard e Tom Giampieri, investono "il castello", ovvero la vasta sala un tempo dedicata ad un generatore elettrico, in fondo al cortile dell'Espace à Vendre. Entrambi sono spinti da…
#NICE L'influenza del lavoro critico di Mikail Bakhtin sul proprio lavoro è qualcosa che Monster Chetwynd dichiara forte e chiaro. Troveremo quindi lo stesso appetito per la polifonia, la struttura carnevalesca dell'universo medievale…
#NICE Confinarsi in un approccio illustrativo nonostante la varietà di approcci e forme che può assumere rimane il rischio di qualsiasi mostra tematica. Molto spesso le immagini e i generi sono giustapposti o…