Corinne Mercadier, Paz Corona e Caroline Vicquenault in “Risonanze”

©Luc Bouery/Galerie du Canon 2019

©Luc Bouery/Galerie du Canon 2019

©Luc Bouery/Galerie du Canon 2019

angels@Corinne Mercadier

Villa des mystères ©Corinne Mercadier

Trulli
©Luc Bouery/Galerie du Canon 2019
Trulli
©Luc Bouery/Galerie du Canon 2019
Trulli
©Luc Bouery/Galerie du Canon 2019
Trulli
angels@Corinne Mercadier
Trulli
Villa des mystères ©Corinne Mercadier

#TOULON…..Per festeggiare la loro seconda candela, le Galleria Canonica ci offre una magistrale esposizione di tre artisti con singolari espressioni creative. Le opere di Corinne Mercadier, Paz Corona e Caroline Vicquenault entrano in “Risonanze” dai loro tocchi, dalla loro sensibilità, dai legami intrinseci che si formano tra i media utilizzati. La pittura, il disegno, la fotografia, tante tecniche per apprezzarne le composizioni, a volte figurative, a volte astratte, e la loro sensibile ricerca sperimentale.

Il lavoro fotografico di Corinne Mercadier è molto sensoriale. Da luoghi conosciuti, crea universi su carta opaca con oggetti in assenza di peso, tra realtà e illusione. I suoi personaggi visti da dietro hanno un volto nascosto. La sua tecnica è negativa, che gli permette di sviluppare un’idea frutto di una riflessione durante la quale la sua immaginazione lascia libero sfogo. Al termine di questo lavoro di gestazione, la fotografia svelerà una scena immaginata, composta da elementi reali e figurativi, personaggi che lanciano oggetti in aria. Durante le riprese può accadere di tutto: il pericolo interferisce in questi ambienti fotografici per un risultato poetico che mette in discussione il posto dell’essere umano in questo spazio infinito.

Svelare, svelare, svelare, mostrare un volto naturale, senza artificio, esposto. Lei o gli altri perché i grandi volti dipinti da Paz Corona hanno inquietanti somiglianze con l’artista cileno. In un momento in cui la figurazione sta tornando a far parte delle fiere d’arte contemporanea, Paz Corona porta una grande modernità a questo tema laico. La sua ritrattistica cerca di trovare lo sguardo interiore e unico dei personaggi che mostra. Autodidatta, il suo tocco vibrante dà vitalità a questi volti potenti e carismi imposti.
Avevamo lasciato Caroline Vicquenault appena laureatasi all’École Supérieure d’Art et de Design e già il suo stile tra astrazione e figurazione non aveva lasciato indifferenti i visitatori della mostra “Variabili casuali”(Mostra dei laureati presentata nel 2016 all’Hôtel Départemental des Arts) Le fotografie sono alla base della sua ricerca artistica. Famiglia, amici….. Immagini di vita quotidiana, personale e intima che vengono trasposte sul web. La tecnica pittorica provoca un gioco di tensioni palpabili che mettono a rischio il soggetto iniziale. Le aree piatte e gocciola libera l’immagine ma attraverso gli strati, la luce emerge per creare forme taglienti e rivelare il quadro.

Risonanze – Corinne Mercadier, Paz Corona e Caroline Vicquenault

Fino al 14 agosto 2019

Galleria pistole

 

Marlène Pegliasco

Laureata in Storia dell’Arte e residente a Tolone, ho creato il blog Art In Var (www.artinvar.fr) per condividere con i miei lettori le ricche notizie artistiche di questo bellissimo dipartim...

Visualizza il profilo dell'autore

Più articoli di Arte contemporanea

PIÙ ARTICOLI PER TE

#BANGKOKOK La capitale thailandese è sul punto di detronizzare le capitali occidentali e affermarsi come la nuova mecca dei graffitari? In ogni caso, è la sensazione che ci prende quando consultiamo il libro…
1 Mins.
#PARIS Ren Hang, nella sua breve vita, da quando ha terminato la sua vita all'età di 29 anni, ha dato una voce diversa alla fotografia cinese contemporanea. La Maison Européenne de la Photographie…
2 Mins.
#PARIS Catherine Balet dà colore alla galleria Thierry Bigaignon e spinge i confini della creazione fotografica con la mostra "Moods in a room". Dopo averci sorpreso e divertito con la sua ultima serie…