Un disegno….. una linea! Raoul Dufy disegna il sud

Trulli
Trulli
Trulli
Trulli
Trulli

#DRAGGENDO…..E’ considerato il pittore della gioia. Le sue opere colorate hanno trovato le loro fonti di ispirazione nella luce e nell’atmosfera del sud della Francia Raoul Dufy (1877-1953)vi rimase regolarmente durante la sua vita, da Martigues a Vence, via Hyères e Marsiglia. I paesaggi, le tradizioni e le feste popolari mediterranee sono stati immortalati in disegni, esposti fino a quando non è stato possibile 1er settembre 2019 al Museo d’Arte Classica di Mougins.

Perché è vero che il disegno occupa un posto essenziale nel lavoro di Raoul Dufy. Nel corso della sua vita ha usato diverse tecniche, mescolando il suo talento grafico con il colorista che è. Acquerello, gouache, matita, inchiostro: cattura il canto della vita, i suoni, gli odori e le atmosfere con strumenti grafici che offrono maggiore libertà di esecuzione, la sua linea mostra la luminosità e l’energia festosa dell’ambiente Raoul Dufy afferra istintivamente il suo soggetto. Il suo disegno rivela i modelli essenziali che riflettono l’ambiente circostante. In ” In ” In “.Carnevale di Nizza ” Carnevale, Dufy costruisce lo spazio con una gradazione di colori; poi le caratteristiche energetiche portano un ritmo compositivo oltre che banale. A volte ci vuole solo un po’ di tempo: in “Lo studio dell’artista a Vence”il rosso predomina una composizione piuttosto semplice e ordinata almeno.Tuttavia, alcuni degli esercizi disegnati ci mostrano l’attenzione ai dettagli”.Porto di Marsiglia ” Porto di Marsiglia non è un semplice schizzo ma una vera e propria composizione di elementi caratteristici del paesaggio marsigliese. Così come il metodo “Mercato del pesce Place Saint-François a Nizza” L’inchiostro è rigoroso, l’architettura è sequenziata, i dettagli analizzati e le silhouette sono sufficientemente staccate per far entrare la vita reale.

Dufy è un artista multidisciplinare pittore, disegnatore ma anche illustratore di libri, incisore, disegnatore di arazzi e decoratore(l’antenato dei nostri attuali interior designer) Raoul Dufy è sempre stato ispirato da fasci popolari, feste, festività, vita gioiosa. Considerato un fauvista ai suoi primi tempi, è stato influenzato da Cézanne e rende il suo disegno piu’ flessibile. La sua pratica rivela una padronanza dell’acquerello e dell’inchiostro cinese, garantendo tinte piatte ed espressivamente colorate, notando uno stile gestuale acuto ma certo. La mano obbedisce ad uno sguardo che sa trafiggere l’essenziale, dove l’apparente semplicità non è un’economia di mezzi, ma semplicemente una visione leggera dello spettacolo che viene offerto all’artista. E’ anche per evitare che i dettagli soffochino il soggetto, dettagli che si fondono in linee colorate in “Le Martigues” per catturare solo la luce e i colori di un sud venerato. Poche linee taglienti per indovinare il lino e i balconi di questo “Rue de Nice” e già l’atmosfera mediterranea sta emergendo da questa foglia. Perché disegnare il sud non significa solo trasporre i colori sulla carta. E’ sentire un’atmosfera particolare, un gusto per il territorio, uno spirito mosso dallo spirito curioso di un pittore che amava viaggiare ed era appassionato di vita.

Fino al 1° settembre 2019

Raoul Dufy disegna il sud

Museo d’Arte Classica di Mougins

Marlène Pegliasco

Laureata in Storia dell’Arte e residente a Tolone, ho creato il blog Art In Var (www.artinvar.fr) per condividere con i miei lettori le ricche notizie artistiche di questo bellissimo dipartim...

Visualizza il profilo dell'autore

Più articoli di Disegno

PIÙ ARTICOLI PER TE

#DRAGGENDO Dal 30 agosto al 1° settembre 2019 si è tenuta a Marsiglia la sesta edizione della mostra internazionale di disegno contemporaneo Paréidolie. Questa fiera, che si è distinta per l'esigente selezione e…
#DRAGGENDO. Situata a Barcellona da quindici anni, ADN Galerie presenta artisti emergenti i cui concetti integrano questioni di attualità. Presente a fiere internazionali come Artissima o Drawing Now, torna per la seconda volta…
#DRAGGENDO Nasce nel 1985 da una famiglia di maestri vetrai che le trasmettono il gusto per la storia dell'arte e per le composizioni figurative. Dopo un Master in Storia dell'Arte a Parigi I, Sarah…