Sculture “Supernatura” di Pablo Reinoso al Poligone-Riviera

Trulli
Trulli
Trulli
Trulli

#NICE Sono quei momenti in cui gli oggetti quotidiani fuggono dallo spazio, lo sottolineano o lo sconvolgono, assumono una funzione diversa da quella loro assegnata o lo trasformano per un altro destino. Momenti in cui oggetto e natura si fondono o si allungano per l’aspetto insolito di un’opera d’arte.Dalla natura al soprannaturale, c’è solo il gesto dell’artista? E’ lui che, qui, stabilisce questo tempo contrastato tra l’agitazione di un luogo e il resto, la contemplazione a cui il camminatore aspira. La panca è questo oggetto funzionale che è diventato per Pablo Reinoso una forma emblematica. Ha lo scopo di accogliere il riposo del corpo, i suoi sogni ad occhi aperti. Ma continua con crescite avvolte intorno a loro come se uscissero dal terreno o volassero via con le viti aeree. Il sogno è dunque fatto di un’interiorità ansiosa e di un’aspirazione ad una felice elevazione solare.

Le sculture in acciaio verniciato, se spesso si sviluppano dalla cornice della panchina, possono assumere altre forme sempre in relazione con la natura come in “The Thing”, un’opera aracnide, che emerge dal terreno nella difficoltà di fiorire piena e vuota. La scultura diventa vegetale, enigmatica. Respira e trova la sua autonomia nell’immaginazione del passante e attraverso la coreografia si dispiega nelle sue sciarpe di luce e nel luogo dove riposa. Altrove, su uno specchio d’acqua, “Talk” è questa conversazione tra acciaio, acqua e cielo. Si impegna nello scambio, l’ignoto delle parole e delle cose.

Essenzialmente minimalista, il lavoro dell’artista franco-argentino ci incoraggia alla contemplazione. Ma soprattutto impone la sua vita intima fatta di volute e riccioli che allargano l’oggetto ad altri possibili, proiettandolo verso l’infinito dello spazio. Dove sono le tracce della natura, la moltitudine di oggetti di consumo? A che punto siamo in tutto questo? L’opera d’arte è sempre una risposta ai nostri pensieri erranti. Pablo Reinoso ci confida nella materia viva delle sue sculture.

Dal 19 giugno al 17 ottobre

Pablo Reinos, Supernatura

Poligono della Riviera

 

Michel Gathier

Con una formazione letteraria, Michel Gathier ha sviluppato la passione per l’arte in tenera età, soprattutto durante i lunghi soggiorni all’estero. Ha contribuito alla rivista “...

Visualizza il profilo dell'autore

Più articoli di Arte contemporanea

PIÙ ARTICOLI PER TE

#EZE Attraverso le metafore che tratta e le forme che assume, il giardino partecipa naturalmente alla creazione artistica. Classico o barocco, si occupa delle rappresentazioni che ad un certo momento l'uomo si dà…
#NICE C'è stato un momento in cui, già a metà degli anni Cinquanta, l'arte si impossessò della strada, della vita quotidiana e dei segni di una società inghiottita dalle illusioni del progresso tecnologico…
#PARIS Durante tutta l'estate, nell'ambito della visita permanente del museo dell'Homme, avrete la piacevole sorpresa di scoprire "En tête à tête à tête", un'installazione effimera che combina opere d'arte moderna e contemporanea. Questo…